Semplicemente Cuba!

Semplicemente Cuba!

learn-spanish-in-cuba

Cuba è l’isola più grande del gruppo delle Antille ed anche la più importante, che ricopre ben 104.553 Km². La Repubblica di Cuba è un arcipelago situato a settentrione dei Caraibi, confina a nord con le Bahamas e gli Stati Uniti separati dallo Stretto della Florida, mentre ad est con la Giamaica e le isole Cayman ed infine ad ovest affaccia sul Messico, è bagnata a nord dall’Oceano Atlantico mentre a sud dal Mar dei Caraibi. Le sue più grandi isole sono l’Isla de la Juventud di circa 2.204 Km, nonché la seconda in grandezza, segue poi Cayo Romano di 777 Km², successivamente Cayo Coco 370 Km², ed infine Cayo Sabinal 335 Km².

 

Il territorio è in prevalenza pianeggiante, alcuni isolati rilievi, con altezze massime di poco superiori ai mille metri, si trovano nella parte occidentale e centrale dell’isola, mentre è quasi tutta montuosa l’area sud-orientale di Cuba, dove si sfiorano i 2000 metri nella Sierra Maestra, che ha come vetta più elevata il Pico Real del Turquino 1.974 m.

 

Il territorio è abbastanza ricco di corsi d’acqua. Il fiume più lungo del paese è il Rio Cauto 343 Km che attraversa laparte sudorientale, presenta inoltre numerosi golfi, baie e un gran numero di porti naturali; tra questi i più importanti sono quelli dell’Avana, di Cárdenas, di Bahía Honda, di Matanzas e di Neuvitas, sulla costa settentrionale, e quelli di Guantánamo, Santiago di Cuba, Cienfuegos e Trinidad (Ancón), sulla costa meridionale.

 

Per quanto riguarda il clima è omogeneo in quasi tutta l’isola, per via della sua forma orizzontale sull’asse est-ovest, viene attraversata dagli Alisei, venti provenienti dall’Oceano Atlantico. Le temperature in media vanno dai 20° ai 30°, con precipitazioni abbondanti nei periodi invernali.

 

Flora e Fauna

 

La Flora

 

La flora cubana è molto ampia, si possono contare circa 8 mila specie botaniche, come per esempio, alberi che raggiungono i 30 metri chiamati i Ceiba, oppure palme che vivono 400 anni come il Dendrocereus nudiflorus, inoltre si trovano centinaia di orchidee, hibiscus , palme e bougainville. Si trovano anche svariate piantagioni, tra cui molte usate dall’uomo per il commercio in tutto il mondo. Tra le più importanti piantagioni troviamo la canna da zucchero, oppure quelle di tabacco, in percentuale maggiore vengono coltivati anche agrumi, mais, caffè e agave, quest’ultima utilizzata per la fabbricazione di cordami. La foresta pluviale è concentrata in alcuni tratti delle zone montuose.

 

La Fauna

 

La fauna cubana è molto vasta e variopinta. Uno tra i molteplici uccelli che possiede una particolare importanza è il Tocororo in cui nel suo vistoso piumaggio predominano i colori rosso, blu e bianco, appartiene alla famiglia Trogonidae, ampliamente diffusa nelle zone tropicali d’America, Africa e Asia. È un uccello lungo tra i 275 e i 280 millimetri. Guatiní, così lo chiamavano gli aborigeni, successivamente ed a causa del suo monotono canto “tó – co – ro” fu chiamato tocororo. Ci sono anche svariate specie di sterne, cormorani e pellicani per non parlare poi dei coloratissimi colibrì, nelle zone paludose, invece, vi si trova una particolare specie di coccodrillo, il così detto coccodrillo cubano, che è leggermente più piccolo rispetto alle altre specie. Le acque cubane, in particolare vicino alla barriera corallina, offrono uno straordinario spettacolo di pesci multicolori di varie dimensioni come i pesci pappagallo, i pesci pagliaccio e i pesci angelo. Questo spettacolo è meta di decine di migliaia di turisti subacquei da tutto il mondo.

 

Popolazione e Politica

 

La Popolazione

 

La calorosa popolazione cubana ad oggi ammonta a circa 11 241 161 abitanti, la mortalità infantile è una delle più basse al mondo (7 per mille). La speranza di vita è di 74 anni per gli uomini e 79 per le donne. Il tasso di urbanizzazione è del 75% e il 20% dei cubani vive nella capitale, Avana. Per quanto riguarda la religione, essendo stato abolito l’ateismo di stato nel 1992, lo Stato permette la libertà religiosa diventando laico. La religione cristiana è la più diffusa tra la popolazione. La lingua ufficiale è lo spagnolo, mentre la comunità haitiana parla la lingua creola.

 

La Politica

 

La Repubblica Cubana è suddivisa in 12 città principali ovvero; L’Avana che sarebbe la capitale, dove la popolazione è maggiormente stabilita; Santiago di Cuba, Camagüey, Holguín, Santa Clara, Guantánamo, Bayamo, Las Tunas, Cienfuegos, Pinar del Río, Matanzas e Ciego de Ávila.

 

Cuba è una degli ultimi stati socialisti sopravvissuti alla dissoluzione dell’Unione Sovietica del 1991. Dal 1976 la Costituzione ha stabilito l’elezione quinquennale dell’Assemblea popolare, composta da 614 membri, e delle sue articolazioni locali, ma a tutt’oggi esiste un solo partito, il Partito comunista cubano (Pcc).

 

Il potere è fortemente concentrato nelle mani del primo ministro (nonché presidente dal 1976), carica che dagli anni della Revolución fino al 2006 ha ricoperto Fidel Castro, ovvero lo storico lìder maximo che insieme a Ernesto ‘Che’ Guevara nel 1959 rovesciò il governo militare di Fulgencio Batista, appoggiato dagli Stati Uniti. Nel corso della Guerra fredda l’allineamento di Cuba con Mosca, data la vicinanza geografica agli Stati Uniti e gli interessi economici americani sull’isola, ha reso il teatro cubano cruciale nel confronto tra le due superpotenze. Con il crollo dell’Unione Sovietica, Cuba è sprofondata in una doppia crisi, politica ed economica, che ha provocato, tra l’altro, gravi scontri di piazza del 1994. Tuttavia il regime castrista ha resistito e ha risposto alternando limitate aperture a strette repressive e accentratrici. Nel 2006, a causa di problemi di salute, Fidel Castro ha lasciato la guida del paese nelle mani del fratello Raúl Castro (più giovane di lui di soli cinque anni), il quale, a sua volta, dovrebbe rimanere in carica fino al 2018. Il successore più probabile, allo stato delle cose, pare l’attuale vice-presidente, Miguel Díaz-Canel Bermúdez.

 

Cuba ha investito molto, negli scorsi decenni, per garantire gratuitamente a tutti i cittadini le cure mediche di base e la spesa per la sanità si attesta sull’8% del pil nazionale. La struttura sanitaria attuale, basata sulla formazione di un alto numero di medici di famiglia, è stata ideata negli anni Ottanta. Tra gli altri servizi garantiti dallo stato figura l’istruzione, che è gratuita e obbligatoria dai 6 ai 12 anni, i media, invece, sono controllati dallo stato, che esercita una forte censura. Anche l’accesso a Internet è fortemente limitato e controllato. Le scuole, gli istituti di ricerca, gli uffici della pubblica amministrazione sono dotati di computer; tuttavia, nel 2004, anno in cui è stato concluso il cablaggio dell’isola, solo 13 abitanti su mille avevano accesso a Internet, il cui utilizzo è ancora oggi formalmente consentito solo per necessità professionali.

 

Turismo

 

Il turismo è molto sviluppato, tra le bellezze naturali e l’affettuosità della popolazione, Cuba è sempre stata una meta molto ambita, diventando una delle voci più importanti dell’economia dell’isola. Oltre al turismo ufficiale dei grandi alberghi e villaggi con animazione gestiti dallo Stato insieme con investitori privati, prende campo a Cuba il “turismo fai da te”, grazie alle cosiddette casas particulares letteralmente “case private” che permettono ai turisti più avventurosi di pernottare presso famiglie cubane a prezzi convenienti. In queste case, oltre alla prima colazione, si possono assaggiare specialità locali sia a pranzo sia a cena. Qui si vive in pieno lo spirito di accoglienza dei Cubani. Un buon punto di partenza è Casamparo, da oltre 10 anni presente la guida on line case particular cubane.

 

Tradizioni

 

La Musica

 

La musica cubana è soprattutto una mescolanza di tradizione spagnola e africana. In maniera molto minore, inoltre, è possibile notare una certa influenza asiatica che cominciò alla fine del XIX secolo, con l’arrivo dei primi immigrati dalla Cina. La chitarra spagnola, il trés e le percussioni africane conferiscono il loro carattere inconfondibile alla rumba, il genere musicale cubano per antonomasia. Anche i ritmi caraibici della Salsa devono molto alla musica cubana. Si trova il ritmo tradizionale della conga e del bongo che enfatizzano le claves (due piccole barre di legno di cocobolo che percosse tra loro scandiscono il ritmo).

 

Il Cinema

 

Nel 1959 nasce l’ICAIC, l’Istituto del cinema di Stato, per ” organizzare, stabilire e sviluppare l’industria cinematografica, e produrre e distribuire i film cubani”. L’istituto, diretto da Alfredo Guevara, collaborò con cineasti europei e sovietici tra cui l’italiano Cesare Zavattini. Fino al 1990 l’ICAIC aveva prodotto 161 film, 1082 documentari, 262 cartoons, 1490 notiziari. Fece emergere registi come Orlando Rojas, Arturo Sotto Díaz, Juan Carlos Tabío, Fernando Pérez, Humberto Solás Cecilia e Daniel Díaz Torres.

 

Lo Sport

 

Il Baseball è lo sport nazionale, e la passione di tutto il paese. La pelota diventa un acceso argomento di discussione durante la stagione che dura da Novembre a Marzo. Dopo la stagione regolare viene una super-serie di 28 partite, dove i migliori giocatori vengono selezionati per la squadra nazionale. Anche se i giocatori diventano celebri – sono tra i migliori del mondo – la lega, come tutti gli sport organizzati a Cuba, mantiene il suo status amatoriale. Basta vedere una partita all’Estadio Latino-Americano all’Avana, per restare incantati dall’atmosfera calda e appassionata. I biglietti costano solo pochi dollari. Al secondo posto nel cuore della gente si trova la boxe. Cuba ha sempre conteso aspramente i più importanti titoli mondiali: 32 delle medaglie d’oro olimpiche di Cuba vengono dalla boxe. Il governo cubano investe molto per sostenere l’atletica, incoraggiando il coinvolgimento di tutti in una forma di sport, e cercando ovunque nuovi talenti da formare.

 

Gastronomia

 

Tipica bevanda cubana è il rum, e hanno avuto origine nell’isola anche alcuni cocktail, sempre a base di rum, come il Mojito, il Cuba libre e il Daiquiri. I cubani sono grandi consumatori di carne suina, pesce, fagioli e riso (moros y cristianos). Si usano molto anche vari tipi di frutta e vegetali. Mentre, per quanto riguarda la cucina cubana rappresenta un misto delle culture gastronomiche spagnole, caraibiche ed africane: le prime due fanno riferimento soprattutto nelle tecniche di cucina, mentre la terza si fa sentire nell’uso delle spezie. Molti dei piatti che si potrebbero trovare nelle case particular sono: L’arroz con pollo: riso e pollo è un classico, il classico piatto della domenica. È composto da riso, pollo, verdure varie e a volte per colorare il riso si usa lo zafferano. È molto simile alla paellia spagnola ma l’arroz con pollo cubano in genere è più speziato. Se volete andare sul sicuro è un piatto semplice che piace a tutti, grandi e piccini. Oppure, L’ajiaco che sarebbe il piatto nazionale di Cuba. E’ una minestra a base di banane, mais, patate, carne di manzo e di pollo; O ancora, il Moros y Cristianos, il cui nome deriva dai mori e i cristiani che un tempo dovevano vivere a stretto contatto sull’isola, perchè è un semplice piatto di fagioli neri (mori) e riso bianco (cristiani) ma il tutto speziato a dovere. Un altro esempio di piatto tipico cubano è il Masitas de Puerco Fritas che sarebbe la gamba del maiale fritta e poi condita con succo d’arancia o di limone, il tutto accompagnato da verdure fritte, soprattutto cipolle. Hanno ovviamente tantissimi altri piatti tutti da pregustare e scoprire.

 

Curiosità

 

Come ogni paese anche Cuba ha le sue unicità, come ad esempio il Cabaret all’aperto più famoso del mondo, o meglio chiamato come il celeberrimo TROPICANA dell’Avana , dove ogni sera si mettono al lavoro 200 persone tra ballerine, cantanti, artisti e tecnici in cui, lo scenario è il bosco sotto le stelle, denominato appunto Bajo las Estrellas.

 

A pochi chilometri dalla Valle di Viñales, invece, si trovano le grotte più grandi di Cuba che si estendono per 46 km su diversi livelli, quest’ultime sono abitate oltre che da pipistrelli da granchi e piante che in maniera sorprendente vivono nell’oscurità più totale come ci si può rendere conto quando in una dimostrazione la guida fa spegnere le torce. Mai visto in natura, un buio così assoluto. Da non perdere per gli appassionati di speleologia. Per raggiungere esistono due percorsi differenti, uno più semplice ed un altro poco più impegnativo dove bisogna attraversare delle piantagioni di caffè.

 

Come non rammentare i sigari la cui popolarità ha raggiunto tutto il mondo. La produzione di sigari rappresenta una grande fetta delle entrate di Cuba. La produzione è particolarmente rigogliosa nella provincia di Pinar del Rio dove le coltivazioni di tabacco sono ovunque. Comunque in qualsiasi città vi troviate potrete acquistare sigari cubani, fatevi consigliare sui diversi tipi e sulle diverse caratteristiche di ciascuno. Attenzione a non acquistare sigari in strada: sono sigari di contrabbando e di scarsa qualità.

 

Che dire, infine, la Repubblica Cubana è sicuramente un paese magico, tutto da visitare e scoprire.

Comments are closed.